Perché Giovan Battista Angioletti

Non fu un caso la scelta del nome per la scuola quando nel 1986, oramai vicini alla consegna del nuovo istituto, ci apprestavamo alla sua inaugurazione. falanga

Tutto nacque presso la storica Libreria Falanga, fucina di idee e confronti interessanti: fu proprio il titolare della libreria a suggerire al Preside Gennaro Di Cristo, che fortemente aveva voluto una nuova sede per la sua scuola, il nome di Giovan Battista Angioletti.

Raffaele Falanga aveva conosciuto lo scrittore milanese quando questi aveva preso a frequentare la sua libreria tra il 1957 e il 1961 non solo per gli acquisti, ma come facevano tanti intellettuali torresi, insomma una frequentazione della libreria intesa come salotto culturale … un’idea piuttosto all’avanguardia!
Senza dimenticare quel giorno in cui Falanga accompagnò Angioletti allo studio del notaio Giuliano Lacovara in Via Vittorio Veneto per firmare l’atto di costituzione della ComES, la Comunità Europea degli Scrittori, che finalmente dava voce agli autori di tutta l’Europa degli anni Cinquanta, politicamente spaccata in due.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.